www.flickr.com
Elementi di lele_rozza Vai all'album di lele_rozza

Alessandro Metz sulla condanna ad un anno di carcere per la

COMUNICATO STAMPA

Alessandro Metz sulla condanna ad un anno di carcere per la
battaglia contro i CPT

La sentenza emessa ieri dalla corte d'appello di Trieste contro 9 attivisti
tra cui il sottoscritto, segna un'altra pagina nera sul piano della
giustizia e della democrazia. Pesanti condanne fino ad un anno di carcere
sono state confermate, pur sapendo che le prove a nostro carico non
esistevano! Hanno volutamente ignorato il contesto nel quale sarebbe stato
commesso il reato di "resistenza a pubblico ufficiale", e cioè che in quel
momento, sette anni fa, nel '98, stavamo in tanti tentando di far chiudere
uno dei primi campi di concentramento per migranti, uno di quei CPT voluti
dall'allora governo di centrosinistra e che sarebbero poi spuntati come
orribili cattedrali della vergogna un po' in tutta italia. Le prove,
nonostante i video, le testimonianze, le immagini dicessero chiaramente che
fummo aggrediti da poliziotti e finanzieri in assetto antisommossa, sono
diventate solo le bugie dei funzionari della Digos di Trieste. Il contesto
non quello di una legittima iniziativa presa da attivisti e cittadini contro
un luogo di violazione di ogni diritto o principio democratico, ma, per
usare le parole della procura generale, una "preordinata azione criminosa
organizzata militarmente" (!!). Questa è una sentenza politica, di un
processo politico contro i movimenti. Quel lager, dopo 15 giorni dagli
scontri avvenuti lì davanti, fu chiuso. Oggi ne stanno per aprire un altro,
enorme, a Gradisca d'Isonzo, fatto come un carcere speciale, dove mirano a
rinchiudere centinaia di migranti e richiedenti asilo.
Finora l'unico atto ufficiale che ha concretamente tentato di fermare i
lavori di costruzione di questa vergogna è un esposto alla magistratura
presentato dai Verdi del Friuli Venezia Giulia: lo dico con rammarico poiché
sto ancora attendendo che la Giunta guidata da Riccardo Illy passi dalle
enunciazioni alla pratica e faccia a sua volta lo stesso, oltre a far valere
qualsiasi prerogativa che il Presidente di una Regione, perdipiù "Autonoma",
può mettere in campo su una vicenda come questa.
Devo ammettere che da questo punto di vista confido molto di più negli atti,
meno ufficiali ma forse più efficaci, che vivono quotidianamente nell'azione
dei movimenti, e mi spenderò più di prima per far sì che le mobilitazioni
decise a Bari - e in particolare le due grandi manifestazioni nazionali da
tenere ad ottobre in contemporanea a Gradisca d'Isonzo e a Bari - abbiano
successo e sappiano essere incisive nei contenuti e nelle pratiche.
Non per questo non ritengo un fatto importante la partecipazione della
Giunta Illy, rappresentata da Roberto Antonaz, al Forum di Bari. E
all'indomani di questa vergognosa condanna invito il nostro Presidente a
sgomberare il campo da equivoci che persino la destra sta utilizzando
strumentalmente, come dimostra l'attacco di ieri da parte di Forza Italia
che accusa Illy di voler esternalizzare i CPT in Slovenia: purtroppo è
questo il frutto di slogan che, anziché affermare chiaramente il valore
inviolabile della vita umana e della libertà personale contro i deliri
securitari della destra, invocano la "umanizzazione dei CPT" rincorrendo
proprio quella insana voglia di una "sicurezza" che si traduce in
restrizione delle libertà. Mi piacerebbe finalmente sentire Riccardo Illy
pronunciare uno slogan che mi pare tuttaltro che estremista e assolutamente
confacente alla storia della nostra regione: "nessuno è clandestino". E
vorrei che parlando di CPT non si limitasse ad affermare la sua contrarietà
a quello di Gradisca ma dicesse anche "né qui, né altrove".

Trieste, 15 luglio 2005

Alessandro Metz
consigliere regionale dei Verdi del Friuli Venezia Giulia

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Realizzato con Drupal, un sistema open source per la gestione dei contenuti