www.flickr.com
Elementi di lele_rozza Vai all'album di lele_rozza

ANCORA LEGGI SUL SOFTARE LIBERO

"pietro folena":http://www.pietrofolena.net/blog/index.php ha presentato un nuovo progetto di legge sul software libero.

come leggiamo su "gnuvox":http://www.gnuvox.info/index.php/2006/12/06/legge_sul_software_libero_necessita_di_c e' gia cominciato un serrato confronto tra gli esperti nelle varie mailing list.

In effetti alcuni problemi ci sono, soprattutto per il diffuso utilizzo del copia incolla fatto da chi qualche volta si accontenta di quanto gia' fatto dai propri predecessori.

ricordo il dibattito a tratti feroce, sul pdl cortiana, che, pur con alcune iingenuita' e qualche imprecisione, dettate soprattutto dal carattere pionieristico dell'iniziativa, ebbe il dono di porre per primo e con forza il problema.

come sapete ho contribuito ad inventare e a gestire il processo che ha portato alla presentazione di un "pdl":http://flossfvg.blogdns.org/ in friuli venezia giulia (in questo momento al vaglio delle commissioni con le firma di tutta la maggioranza del parlamento regionale).

senza volervi vendere una modalita' operativa di cui ovviamente sono convinto, ne ricordo un aspetto.

"Alessandro Metz,":www.alessandrometz.it consigliere regionale, ovviamente, non ha competenze specifiche sufficienti per una proposta di questo tipo, ha captato pero' l'esigenza, e ha deciso di avviare un percorso, affidando a quanti credono nel software libero, ci lavorano e producono valore il compito di lavorare ad un progetto che risolvesse esigenze.

Il pdl che ne e' uscito e' equilibrato, e' stato revisionato in modo importante da Davide Dozza lead di "openoffice.org italia":http://it.openoffice.org/ con la collaborazione di Maria Lorenzini capo segreteria del gruppo verdi in regione.

E' anche uno spunto per la legislazione nazionale, ha il valore di uscire dagli schemi degli uffici.

Mi domando quanto paghi fare uscire la notizia purche' se ne parli, e quanto non paghi, di piu', diventare davvero portatori di interesse. Io non so quanti siano disposti a votare quanti sono presenti sui giornali pur di esserlo. Credo che l'elettore cominci a cogliere che la propria rappresentanza vada sceltra tra quanti sono in grado di interpretare le esigenze della base e riportarle nelle vari "cabine di regia" (cosi' si chiamano adesso)
Come e' ovvio, il coinvolgimento della comunita' non e' piu' eludibile (si veda il pandemonio novell dopo l'accordo con microsoft) forse folena qualche mail e qualche telefonata la poteva anche fare.

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Realizzato con Drupal, un sistema open source per la gestione dei contenuti