www.flickr.com
Elementi di lele_rozza Vai all'album di lele_rozza

delle rivelazioni

Mi accorgo, con sempre maggiore frequenza che, con il passare del tempo, anche le elasticita' umane si riducono.
Per esempio, io, come molti, tendo fastidiosamente ad invecchiare (ultimamente per esempio perdo i capelli, ma qualcuno dierebbe che quello e' il meno) e, invecchiando,
mi accorgo che alcune cose le faccio solo in determinati posti, in altri non funziona.

Per esempio, spesso non mi riesce di lavorare in ufficio, nel senso che in ufficio incontro le persone, penso alle soluzioni, acquisisco informazioni, ma poi, il grosso del lavoro si fa di sera, o la mattina molto presto... e mia moglie non e' contenta.
ma questo non e' il punto.
Ovviamente, una parte rilevantissima della mia attivita' e' la lettura. Una lettura che si fa dentro nel web, oppure sui libri.
La prima e' una lettura fugace, di impressioni che si rincorrono, ipertestuale, come andava di moda tanti anni fa, una cosa che vuole dire un sacco di informazioni, tutte frullate, che servono a stare al mondo, ma che poi, una volta distillate, sanno di poco, sono un po' sciape.
E poi un'altra lettura,quella dei libri (i quotidiani, da quando parlano solo di web non li considero nemmeno).
Beh quella lettura li sta diventando un problema.
Sta diventando un problema perche' il posto giusto e' il treno, e poi basta. E va bene che io in treno ci sto anche spesso, ma, non e' che si puo' prendere un treno per leggere un libro, insomma!
in ufficio no perche' non sta bene: mettermi a leggere il libro sembra che non lavori, direbbe qualcuno, che poi non e' vero, ma tanto fa. A casa non c'e' il posto, sul divano ci sta, giustamente, mia moglie, e di sotto, dove di solito lavoro di notte c'e' una grande, ma proprio grande, scrivania, ma al centro della scrivania ci sta il PC e, siccome non son precisamente ordinato, intorno al pc ci sono pile e pile di qualsiasi cosa, gli scontrini, che perdero' prima che arrivino al commercialista, i libri da recensire, quelli gia' recensiti, le matite, le penne, e poi lo yogurt, la tazzina del caffe', le tazze i bicchieri, e poi i posacenere, insomma tutte quelle cose che ci sono sulla scrivania di uno che ci passa un sacco di tempo e non sistema mai.
Per dirla tutta: ho una scrivania grande (una volta era una porta ma la storia diventerebbe lunga), e un sacco di cose sopra, ma lo spazio non c'e'.
insomma
e' il caso che mi procuri una poltrona, sotto una bella luce, cosi' magari dopo ho un posto comodo su cui leggere, mi placo e sono piu' contento.

Tag Technorati: ,

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Realizzato con Drupal, un sistema open source per la gestione dei contenuti