www.flickr.com
Elementi di lele_rozza Vai all'album di lele_rozza

"Inizia una grande mobilitazione per la libertà degli alfabeti"

"Oggi, alla prima discussione sulla mozione contro la brevettabilità del software, firmata da 99 senatori di tutti gli schieramenti politici, ho sollevato il tema della libertà delle nostre università, delle nostre imprese, dei nostri cittadini. Per questo ritengo utile promuovere una vera e propria giornata di mobilitazione nazionale su questo tema, in occasione della prossima discussione al senato. Ho anche provveduto a inoltrare ai colleghi una lettera che il presidente della Free Software Foundation ha inviato ai parlamentari italiani in questa occasione." Dichiara il sen. Cortiana, delegato al World Summit on Information Society dell'ONU per il Senato della Repubblica.

Si allegano la lettera aperta per la mobilitazione nazionale del 17 Maggio e la lettera che Richard Stallman ha inviato ai parlamentari italiani.

Lettera aperta al mondo della rete

Una mobilitazione contro i brevetti software.

Sono ormai diversi mesi che un movimento ampio e variegato ha cominciato ad approfondire una riflessione contro l'ipotesi di rendere brevettabile il software: un mondo composto di imprese e singoli, fuori dagli steccati di appartenenza e professione.
Sulla brevettabilità del software ci giochiamo il futuro degli alfabeti e la loro libertà, la libertà di comunicare, condividere, informarci, come conferma anche Richard Stallman nella lettera che ha inviato a tutti i parlamentari italiani in questa occasione.
Siamo giunti ora, in Italia, ad un passaggio chiave: il Senato della Repubblica sta discutendo e votando una mozione promossa da 99 senatori di tutte le forze politiche contro la brevettabilità del software.
Ma noi vorremmo che questa discussione non avvenisse solo nel Palazzo, ma nelle università, nelle imprese, nelle scuole, in tutti quei luoghi di produzione di conoscenza che, con la approvazione della direttiva europea per la brevettabilità del software sarebbero meno liberi.
MARTEDI' 17 MAGGIO, mentre le Istituzioni discuteranno di questo tema, sarebbe importante che, dal banchetto informativo, al convegno, dal volantino alla discussione in aula, un mondo sensibile e nuovo dimostrasse che inizia a profilarsi quel Quinto Stato pronto a difendere i propri diritti e la propria libertà.
Sen. Fiorello Cortiana

Vi preghiamo di rendere note le iniziative programmate alla mail f.cortiana@senato.it
Info-line 06/67063104

Lettera di Richard Stallman ai Parlamentari Italiani

Cari membri del Parlamento italiano,

Gli sviluppatori e gli utilizzatori di software in Europa si troveranno di fronte ad un grande pericolo se l’UE permetterà di brevettare le tecniche di software: il pericolo di essere incriminati per le idee contenute nei software che essi sviluppano e usano.
A differenza del copyright, che protegge la descrizione dell’intero programma ma non le singole idee che lo compongono, la brevettabilità del software consentirebbe un monopolio sull’uso di tecniche generiche. Un programma complesso è la combinazione di migliaia di queste tecniche. Se un paese permette la brevettabilità di ognuna di queste tecniche, un programma complesso può infrangere centinaia di brevetti in un colpo solo. ( secondo uno studio svolto lo scorso anno il Kernel di Linux, la parte centrale del programma linux, usato per il sistema operativo GNU, infrangerebbe 283 brevetti USA)
Come sono queste tecniche? Consideriamo la “progress bar”, la barra progressiva che gradualmente passa dallo 0% al 100% mostrando sullo schermo la realizzazione di una operazione, come l’apertura di una pagina web o lo scaricamento di un documento. Questa tecnica è una piccola parte contenuta in migliaia di programmi software che svolgono differenti funzioni. Persino questa tecnica è stata brevettata all’Ufficio Europeo dei Brevetti, insieme ad altre 50.000, a dispetto dello stesso trattato costitutivo dell’Ufficio Europeo dei Brevetti. Se la Direttiva del Unione Europea desse un valore legale a questi brevetti, gli sviluppatori e gli utilizzatori di migliaia di programmi rischierebbero la minaccia di incriminazioni.

Un programma è come un romanzo: una raccolta di dettagli che insieme sviluppano molte idee. Immaginate cosa accadrebbe se ogni idea letteraria venisse brevettata, per esempio “una scena d’amore con una donna sul balcone” o “gli occhi blu di una persona che assomigliano al mare”. Chiunque scrive un romanzo potrebbe violare diverse centinaia di brevetti; se uno scrittore scrivesse con la preoccupazione di essere incriminato difficilmente scriverebbe un buon romanzo. Non è questo il modo di promuovere la scrittura né dei romanzi, e neanche dei programmi software.

Le pressioni per la brevettabilità del software provengono principalmente dalle multinazionali dell’informatica. Esse vogliono la brevettabilità del software perché ognuna ne detiene migliaia negli USA e li vuole importare in Europa. Se l’Europa permetterà la brevettabilità del software le multinazionali (molte non europee) avranno uno strumento di controllo sull’uso del software in Europa.
Molti legislatori non hanno mai avuto a che fare con lo sviluppo di software, così possono credere ai miti relativi all’efficacia dei brevetti sul software. Per esempio il mito sulla protezione brevettuale dell’intero disegno di un prodotto, se si dice che un programmatore può ottenere un brevetto per “proteggere il suo programma” questo potrebbe avvalorare questo mito.

Poi c’è il mito che vuole che i brevetti possano “proteggere” i “piccoli inventori” dalla competizione delle multinazionali. Se questo fosse vero le multinazionali non sarebbero favorevoli alla brevettabilità del software. Ogni multinazionale usa le sue migliaia di brevetti per mettere ognuno nelle condizioni dello scambio le licenze. Così facendo il programma innovativo di un piccolo inventore combinerebbe le sue poche nuove idee brevettate con le centinaia (o migliaia) di idee ben conosciute, alcune brevettate da IBM, alcune brevettate da Microsoft, ecc. Poi loro si comporteranno con lui come se la questione dei brevetti non ci fosse. C’è quindi il mito del vantaggio che le compagnie americane avrebbero proprio perché gli USA riconoscono la brevettabilità del software mentre l’Europa no. Se questo fosse vero, le compagnie statunitensi ed il governo degli Stati Uniti non presserebbero l’Europa per consentire la brevettabilità del software.
Al contrario l’Europa ora ha un vantaggio.

I brevetti degli Stati Uniti riguardano soltanto ciò che è fatto negli Stati Uniti, ma ognuno può avere un brevetto statunitense. Le compagnie europee possono avere brevetti statunitensi e attaccare gli sviluppatori americani. Ma attualmente gli Americani non possono avere brevetti software Europei e quindi attaccare gli Europei. Fino a che l’Europa rifiuterà di brevettare il software, l’Europa avrà questo vantaggio,
Se l’Europa mantiene il suo vantaggio, con il rifiuto di brevettare software, finalmente il mio paese può trovare necessario competere cambiando la sua insensata politica. Per favore aiutate gli Stati Uniti a salvarsi dai brevetti sul software, salvando innanzitutto voi stessi.

Con franchezza,

Richard Stallman

Presidente della Free Software Foundation
Membro della MacArthur Foundation

questo e' un ottimo link per capire il problema

BREVETTI SOFTWARE, MEZZOGIORNO DI FUOCO
di A. Glorioso - Sono i giorni piu' critici per la proposta di
direttiva che punta ad introdurre anche nella UE la brevettazione sul software. Dal software libero una condanna unanime. La palla passa agli europarlamentari
URL: http://punto-informatico.it/pi.asp?i=52763

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Realizzato con Drupal, un sistema open source per la gestione dei contenuti