www.flickr.com
Elementi di lele_rozza Vai all'album di lele_rozza

Viaggio dentro i libri

Io sono fortunato, vivo in un posto in campagna dove abbiamo dello spazio. Mi sono ritagliato una stanza, nel seminterrato che utilizzo come studio, dentro cui ho stipato, un po' come capitava che sono pigro, una trentina di anni di libri, facciamo 25, ma tanto per intenderci.

Sono tanti tanti libri. stanno in doppia fila, talvolta in tripla fila, quando aggiungo una libreria sembra non cambiare nulla, non ci stanno lo stesso (l'ho fatto non molto tempo fa e non posso dire che la situazione sia apprezzabilmente cambiata). Questi libri sono stati la cosa più ingombrante dell'ultimo trasloco, e dall'ultimo trasloco, sono usciti dagli scatoloni e finiti sugli scaffali senza che decidessi un ordine di qualsiasi tipo. 

Tanti libri e il disordine in cui si trovano, comportano che la ricerca del titolo specifico sia costantemente una caccia al tesoro, senza indicazioni peraltro.

Oggi, per l'ennesima volta ero a caccia de "L'opera d'rte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica" un testo importante di un autore in cui mi riconosco particolarmente che si chiama Walter Benjamin.

Ho deciso che domani lo ricompero, e appena ricomprato, ovviamente, salterà fuori, ma pazienza.

Durante la ricerca, mi sono messo scientemente a spulciare i vari scomparti delle librerie, ci ho messo un sacco di tempo, ed è stato molto interessante.

La mia biblioteca, che è un bel pezzo della mia storia, mi regala degli itinerari meravigliosi. Ritrovare testi, riannodare i fili della memoria, ed immaginare percorsi intellettuali è una attività che mi piace molto.

Mi sono ritrovato a sfogliare testi sottolineati in anni passati, o riannodato fili e ho ripensato nuovi percorsi. Mi trovo adesso con una pila di libri sulla scrivania, alcuni già letti, alcuni letti solo in parte, abbandonati perchè altri più urgenti si erano affacciati, perchè è uscito un itinerario nuovo, forse due, e sono molto uregenti. Una sorta di cartina topografica della costruzione mentale che, magicamente, si costruisce e ricostruisce con il passare del tempo.

Migliaia di storie da raccontare che si intrecciano e diventano altre storie, a costruire paesaggi che nel tempo mutano, che si arricchiscono di particolari, di scenari e di immagini, che cambiano sapore.

E' un non finito da perseguire, con pervicacia, riallinea il passato e permette di guardare al futuro.

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Realizzato con Drupal, un sistema open source per la gestione dei contenuti